Annunci
Pubblicato da: comeilmare | maggio 24, 2011

5 ° Giorno: Olympia

OlympiaSiamo partiti da Delfi di buon ora e abbiamo preso la strada verso Olympia. Dopo pochi km abbiamo trovato una spiaggetta libera, così ci siamo fermati per un bagno fugace. L’acqua era meravigliosa, appena tiepida e limpidissima. E’ stata dura rimettersi in viaggio… ma la strada era ancora parecchia e siamo ripartiti.

Per raggiungere il Peloponneso, si attraversa il Ponte di Rio lungo circa 2km percorrendo lo stresso di Corinto. Dall’altra parte del ponte si trova la caotica Patrasso. Da Delfi ad Olympia ci sono 260 km di statale….il viaggio sembra non finire mai. Infatti quando siamo arrivati ad Olympia eravamo stanchissimi, ma non potevamo rimandare oltre e, visto che erano le 15.30, abbiamo cercato una stanza alla Pensione Poseidon (45 € senza colazione) per farci una doccia e lasciare i bagagli. Fatto questo ci siamo diretti agli scavi.

 

Come tutti i siti archeologici della Greca, anche qui sembra tutto lasciato a sé stesso. Un vero peccato, poiché il complesso è (o meglio era) meraviglioso: il tempio di Zeus e quello di Hera con l’altare sul quale viene, a tutt’oggi, accesa la fiamma olimpica; le terme con i pavimenti ancora ben conservati, la palestra in cui si allenavano gli atleti e lo stadio che ha visto la nascita dei primi giochi olimpici nel 776 A.C.

Olympia fiamma olimpicaIl caldo è soffocante….non abbiamo certo scelto un momento buono per stare sotto il sole; fortunatamente ci sono un paio di fontanelle all’entrata e i bagni infondo al sito. Il sito è molto grande, perciò consigliamo di andare con calma e soprattutto al mattino presto, anche per evitare la calca dei turisti che qui arrivano in branchi con i pullman. Stanchi e cotti dal sole, siamo tornati in albergo per una doccia come si deve…e per lavare un po’ di indumenti. L’albergo non è un gran che, o meglio, è la gestione che fa schifo: la signora alla reception (quando c’è) sembra scocciata dalla nostra presenza; il costo di 45€, non è altissimo, ma ha aspettato che portassimo dentro i bagagli per dirci che non è compresa la colazione… insomma, il tipico atteggiamento di chi tende a fregare i turisti. Mentre a Delfi, i due gestori sono di una accoglienza esemplare, non si può dire altrettanto di qui. Inoltre la stanza è microscopica ed è già tanto che c’è l’asciugamano in bagno.

La sera abbiamo mangiato in un ristorante tipico con le tovaglie a scacchi (noto indice di genuinità a buon mercato ;)). E, in effetti, abbiamo mangiato molto bene e pagato pochissimo: appena 22€ ( tzatziki, insalata greca, pasticcio, verdure miste grigliate, dolce e acqua). Per il dopocena abbiamo optato per un localino all’aperto molto chic. Un Bayles ha messo ko David…così siamo andati a dormire. Anche perché Olympia, come città, non offre nulla… solo negozi di souvenir visti e rivisti e locali di ristoro.

E’ una cittadina come tante, che sfrutta il nome degli antichi fasti, anziché perpetrarne la gloria.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: