Annunci
Pubblicato da: comeilmare | luglio 18, 2011

10° Giorno: Nafplio

Nafplio by night

Nafplio by night

Sono le 6.30 del mattino quando suona la sveglia, ma non per partire….bensì per concederci un ultimo bagno a Monemvasia col sole che fa capolino dalle acque. L’acqua è freschissima e ci da la carica per il nuovo viaggio che ci porterà a Nafplio. Prima di partire la signora della domatia ci ha dato la sua benedizione in greco, ovviamente, e da quello che abbiamo intuito dev’essere un augurio per un buon viaggio sereno, sia esso su strada, sia nella vita.

Rinfrancati da bagno e benedizione, siamo partiti. Ci siamo persi un paio di volte fino a che siamo giunti a Leonidio, tappa intermedia di passaggio visto anche la fatica fatta per arrivarci: la strada è un continuo di tornanti a gomito fra le montagne su stradine a volte strettissime. Leonidio è una cittadina semplice e al tempo stesso complicata; peccato non avere tempo per visitarla.

Ad un certo punto abbiamo deciso di fermarci per mangiare la frutta e approfittare del fatto che stiamo costeggiando il mare. Ci siamo così fermati a, quella che crediamo sia, Pera Melana… lo crediamo perché di cartelli non ce ne sono e noi non abbiamo chiesto. Ma cosa importa? Il sole scotta e qui l’acqua è divina (come d’altronde ovunque qui in Grecia).

Le vie antiche di Nafplio

Le vie antiche di Nafplio

Dopo la breve ma ristoratrice sosta, ci siamo rimessi in marcia senza più fermarci fino a Nafplio. Durante gli ultimi km di marcia leggo, sulla guida, che Nafplio ha un centro storico particolarmente bello, vista la dominazione veneziana e che è tappa di molti visitatori perciò sarebbe meglio aver prenotato… cosa che non abbiamo fatto. Speriamo bene.

 

Giungendo da ovest, però, l’impatto non è dei migliori: un forte vento soffia sulla costa rendendo il mare molto sporco e decisamente non balenabile; solo alcuni intrepidi con il kitesurf si danno battaglia sulle onde.

 

Inoltre, arrivando dalla statale, entriamo nella città dal porto e la cosa ci scoraggia un po’ visto che abbiamo lasciato Monemvasia per venire qui. Dov’è la Nafplio tanto decantata nella guida? David è molto scoraggiato ma infondo non abbiamo ancora girato la città e chissà che non abbia il famoso “lato B”.

 

Dopo aver girato parecchi hotel e pensioni, senza aver trovato stanze disponibili o prezzi sostenibili, finalmente troviamo una stanza all’hotel Epidauro (50€, area condizionata, no colazione). In due minuti abbiamo già portato su le valigie e io crollo sul letto addormentandomi all’istante. Infondo sono già le 17.00
Eh già! Tanto c’è voluto per fare 195 km e trovare un posto per dormire in centro storico, con un parcheggio a pochi passi.

 

Dopo il riposino ci prepariamo per la sera…abbiamo già capito che questa città vive di notte. Ci inoltriamo così nelle viuzze della parte vecchia, dove per altro alloggiamo anche noi, e subito veniamo folgorati dalla bellezza del luogo. Le stradine strette sono piene di tavolini dei ristoranti, adornate di piante con fiori coloratissimi, muri bianchi da cui spiccano le insegne dei negozi dipinte a mano (ci sono molti pittori in città) e lampioncini che illuminano appena… il che non è un problema poiché la luce principale proviene dai negozi di artigianato che riempiono ogni angolo. Il tutto ha un’aria molto romantica e retrò.
Nonostante i numerosi ristoranti, taverne e bistrò, facciamo fatica a trovare posto. Poi, al Dionysos (20€ in due), ci mettono in attesa fornendoci due sedie per aspettare, due bicchieri e una bottiglia di acqua, il tutto rigorosamente in strada. D’altronde non c’è un solo locale che abbia avventori al proprio interno: tutti vogliono stare fuori! E come dal loro torto?

 

Questo posto è stupendo. Persino la piazza, che di giorno appare piatta e scialba, di notte sembra una pista da ballo. Insomma una specie di Dottor Jekyll e Mr. Hide della Grecia.

 

Annunci

Responses

  1. Nauplia è una città abbastanza piccola (forse meno di 20.000 abitanti), ma ha una storia importante. E’ stata la prima capitale della grecia moderna. Ha architetture veneziane che ne ricordano la dominazione (felice). Gli ateniesi, in particolare, durante l’estate, vengono qui ogni fine settimana . Qui ritrovano un’atmosfera tranquilla. Alla sera, verso il tramonto, si può passeggiare nella zona del porto, guardare la fortezza di Bourczi ed il mare, sorseggiando qualche aperitivo tra i numerosi bar della zona. Alla sera, poi, guardare il Castello di Palamidi illuminato è uno spettacolo da non perdere e che lascia soddisfatti. Mangiare poi nei ristoranti non è cosa proibitiva, basta scegliere il menù più interessante (consiglio quello a base di pesce, ma non scegliete il vino “Rezina”n che, a mio avviso, non è un gran che). Finite con l’Ouzo giacciato, magari ascoltando qualche musica locale. Nauplia, come tutta la Grecia, deve essere vissuta da chi non la mai vista, come una terra il cui fascino ti deve prendere un po’ alla volta, senza la frenesia di volerla scoprire alla svelta.

    • Vedo che ti é piaciuta particolarmente ^_^
      Quando ci sei stato? In che anno?
      Hai fatto altri viaggi?
      Nel caso puoi inviarcene qualcuno e noi saremmo lieti di pubblicarteli 😉
      ciao!


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: